martedì 29 settembre 2009

Il mio nuovo scanner

Scanner Albreicht AE 69-2HE ora? Semplice: e ora finalmente ho qualcosa per le mani che posso coccolare con la stessa soddisfazione dei miei svariati orsetti.
Tutto e' cominciato poco prima della mia partenza per il Trentino: l'Ispettorato per le Telecomunicazioni di Palermo mi ha comunicato la mia iscrizione ufficiale nel Registro Italiano dei Radioascoltatori delle Bande Radioamatoriali (ammazza che parolona, diciamo SWL che e' piu' semplice e chiaro anche per i radioamatori che mi leggono) .
Per qualcuno forse questo rappresenta il primo passo verso la patente di OM, per altri solo una riscoperta di un hobby a tratti dimenticato.
Partiamo da un buon presupposto: io sono un vecchio bacucco dell'informatica, e lo ammetto, ma sono anche un vecchio frequentatore dell'etere ancora attivo. Ed ora comincio ad allargare i miei orizzonti dalla banda cittadina e PMR a tutte quante le bande in uso ai radioamatori italiani ed europei.
Adesso, miei cari lettori che avrete pensato "come si fa con quel coso a scansionare le fotografie?" forse avrete inteso che in questo caso la parolina magica "scanner" non si riferisce alla periferica di acquisizione immagini molto usata nel mondo dell'informatica, bensi' ad un ricevitore radio multifrequenza in grado di spazzolare su ampie fasce dell'etere portando l'utente a catturare cio' che passa.
Dopo qualche esperimento sulla banda LPD, e sul radioascolto con uno scanner economico e manuale, ho fatto una breve visita ai negozi specializzati di Siracusa e Catania per qualche quotazione di scanner di media qualita' e, infine, mi sono buttato sul calderone di e-bay, dove ho pescato un ottimo ALBRECHT (divisione tedesca della Midland), e nello specifico il modello AE 69-2H, che supporta cinque bande molto ampie (dai 25 ai 512MHz) e permette di memorizzare ben 80 canali su cui effettuare scansione con una frequenza che rientra in "prioritaria" e viene monitorata ogni due secondi [che caso: avete notato anche voi che tengo in prioritario il canale "1" su 446,09375, eh? (((-: ]. Sebbene esistano ricevitori anche della stessa marca con caratteristiche piu' interessanti, direi che questo gia' raggiunge perfettamente sia i miei scopi che le mie esigenze.
Ieri lo ho messo in funzione, ho memorizzato alcune frequenze "canoniche" (fra cui i ripetitori VHF e UHF della provincia) e lo sto sperimentando. L'unica pecca e' la ricezione non eccellente con l'antenna in gomma fornita a corredo, ma il fatto che comunque sul giocattolo sia presente il connettore BNC mi permette comunque di porre antenne piu' valide nel compiere le attivita' di radioascolto.
Adesso lo mettero' nella mensola con gli orsetti, cosi' ogni tanto posso coccolare anche lui. (((-:

6 commenti:

Mauro ha detto...

Sono un appassionato SWL e da più di 30 anni e mi divertono ancora gli scanner. Ne possiedo diversi, al momento quattro tra i più prestigiosi e anche l' AE 69. Devo dire che quest'ultimo mi sta dando molta soddisfazione nonostante la sua semplicità. L'antenna in gomma secondo il mio avviso fa il suo dovere, ma incontra ovviamente delle limitazioni... con la discone va sicuramente meglio, o una GP autocostruita con un paio di euro o poco più (1/4 per VHF e corrispondente a 5/8 in UHF) va che è una meraviglia! Viva gli apparecchi più sofisticati, ma viva anche i più semplici come l'AE69! Bye Mauro

Grizzly ha detto...

Guarda, io da poco tempo (un mesetto o giù di lì) ho cambiato apparato: l'ae69h l'ho venduto a un collega, e io mi son preso un Polmar RX-1300 [ascolto continuo 0.100~1300 in AM/FM/WFM], e devo dire che sto riscoprendo con piacere una parte del mondo dell'RF che mi mancava proprio.
PS: ho tirato un dipolo decametrico usando la vecchia linea della parabola qualche mese fa. Eccellente meccanismo per ricevere soprattutto le bande AM (-:

Claudio ha detto...

Anche io ho questo ricevitore sono che non è il 2 ma AE 69 H non so se cambia qualcosa. Nel libretto c'e' scritto che sulla prima (1) la frequenza parte da 25.000 mentre ho notato che in realtà scansiona da 44.000. Devo settarlo in altro modo visto che è un prodotto tedesco? L'impostazione originale è 2 forse va bene su 1? Grazie Claudio e-mail c_basili@yahoo.it

Grizzly ha detto...

Ehm... oddio devi seguire il manuale, come commentato appena un anno e mezzo fa, non ho più l'apparato per cui non me lo ricordo, ma si possono scegliere il limite inferiore e superiore per ognuno dei tre campi (mi pare di ricordare che faccia 25-87, 136-174 e 420-512)

antonio virdis ha detto...

ma dove lo prendo il manuale in italiano?

Grizzly ha detto...

Dell'Albrecht? Wow... io lo comprai con il manuale in inglese, quindi non saprei proprio...