domenica 19 settembre 2021

VLOG 378: Sponsorizzo 45 canali per i miei 45 anni (speciale compleanno)

0 commenti - [Leggi tutto]


Benvenuti, viaggiatori: io sono Grizzly
-Ok, Google: buongiorno!
Ciao Grizzly: sono le 8:55, oggi è il tuo compleanno. Tanti auguri!
[Trombetta 🎺🥳]
Bene!
Sabato 18 settembre 2021 è stato il mio compleanno, e voglio fare qualcosa di leggermente diverso dal solito: sul mio canale YouTube ho sempre cercato - dove possibile - di dare visibilità ad altri canali YouTube, a qualcosa che ho trovato interessante qui sulla piattaforma.
Nel frattempo si sono lanciati dei progetti (come il Progetto Unity) o altri modi di cercare di far conoscere altri youtuber. Oggi voglio presentarvi (visto che faccio 45 anni) quarantacinque canali YouTube italiani e stranieri che trovo interessanti.
Così, tutti di botta, per cui cominciamo questo nuovo episodio di Diario di Viaggio on the road, edizione “nello studio”, Speciale Compleanno
[♪]

═► Alan Spicer: un grande esperto della piattaforma di YouTube e delle dinamiche sociali, che vi aiuterà a diventare un pochino più esperti sull'uso di questa piattaforma e - in generale - per spingere voi stessi sui social.
═► Andy Elliott Craft & Creations: adesso pubblica molti meno video, perché ha poco tempo a disposizione, ma ha fatto tantissime cose di attività manuali (di lavori manuali) e ora si è specializzato nel costruire degli alberi e delle situazioni particolarissime utilizzando il filo di rame, ed è veramente qualcosa da scoprire.
Tra l'altro tra i suoi progetti ci sono delle cose veramente bellissime!
═► Applied Science: per cercare di capire come funzionano le dinamiche di alcuni oggetti di tutti i giorni, ma anche le dinamiche di quelle che sono le leggi della fisica e della scienza.
═► Atlas Survival Shelters: un americano (repubblicano fino al midollo) che realizza bunker antiatomici, strutture di sicurezza, strutture per prepper
Quantomeno è un modo particolare di guardare a un certo tipo di americani: diciamolo tranquillamente.
═► Becky Stern: radioamatrice, appassionata di dinamiche nerd, appassionata di apparecchiature nerd (di Arduino), di programmazione, di lavori manuali… non vi dico NULLA, faccio solo un gesto!
═► Bounded Mind: riassunti e viaggi mentali, disegnati con uno stile… beh, diciamo tutto suo, eppure è veramente divertente e d'intrattenimento.
═► Brandweer Lunteren (credo!)
[Google Translate] Brandveer Lunteré
(Più o meno dovrebbe essere quello 😅): una piccola caserma dei vigili del fuoco di un piccolo paesino in Olanda. Sono vigili del fuoco volontari e credono molto nel loro lavoro, abbastanza che… uno di questi vigili del fuoco ha un negozio di articoli per animali…
… e una pertica per uscire di casa!
═► Caleel: autore fantasy, appassionato di cinema e argomenti nerd, e che non ringrazierò mai abbastanza per avermi fatto scoprire che stava uscendo una serie su ‘Queste Oscure Materie’.
═► Canoopsy: Zachary è un canadese appassionato dell'ambiente di lavoro Apple, ma appassionato - in generale - della tecnologia.
Dimenticavo: ha dei lontani parenti qui in Italia e, per questo, la sua rete WiFi si chiama ‘PORCA MISERIA’!
═► Cartoni Morti: perché Andrea Lorenzon ha un umorismo particolarmente irriverente, ed è riuscito a farlo sbocciare.
═► CGP Grey: perché con dei cartoni animati estremamente semplici è possibile parlarci di storia e di tecnologia.
═► Ciao Internet - Matteo Flora: Matteo è un nerd, e Matteo ci parla dei lati oscuri della tecnologia, ma lo fa parlandoci soprattutto delle implicazioni con la vita di tutti i giorni.
═► Colin Furze: perché - per esempio - chi non vorrebbe provare a mettere un motore a reazione su un triciclo?
═► DiodeGoneWild: dalla Cechia un appassionato di elettronica che, aiutato dal suo gatto, analizza circuiti elettronici, apre le cose, prova a ripararle, prova a metterle in funzione, prova a capire come funzionano, fa delle analisi molto, molto interessanti su tantissimi circuiti elettronici ed elettrici.
═► Doctor Game - The Phantom Castle: perché è facile dire che “uno conosce i videogiochi”, ma bisogna conoscere anche la storia, quello che c'è dietro, quello che c'è dietro le consolle (la storia delle consolle), lo sviluppo… tantissimi argomenti sui quali può essere veramente molto, molto interessante approfondire.
═► EfremsAdventure: dall'amico del canale EfremsTube, un canale dedicato interamente ai parchi di divertimento.
═► ElectroBOOM: perché giocare con la corrente elettrica può essere pericoloso, ma soprattutto per sapere, finalmente, cos'è un FULL BRIDGE RECTIFIER!
═► Gianni Pirola fai da te, che è un maker molto, molto bravo: in tantissime occasioni riesce a farci prendere roba che è - magari - parcheggiata in garage da anni e ce la fa recuperare in maniera veramente molto intelligente.
═► GioPizzi: il canale di Giovanni Pizzigoni destinato all'approfondimento delle dinamiche storiche e delle dinamiche politiche.
═► HelpO, dell'amico Daniele (e dell'amica - Intelligenza Artificiale - A.R.I.A.): una guida molto intelligente per migliorare la propria vita grazie al digitale.
═► Ian.: così come il mio è un canale di “viaggi” lungo la cultura generale, quello di Ian. è un canale di “viaggi di approfondimento” lungo moltissimi argomenti.
═► Il canale di ALE: perché è anche bello viaggiare, scoprire posti nuovi e scoprire posti che si possono visitare molto velocemente, eppure trovare tante piccole perle.
═► Il Trono del Muori: perché è bello sapere come funziona una cosa avendo a disposizione un riassunto, ma - talvolta - è molto più bello capire come funziona una cosa con un riassunto che può essere persino più lungo della cosa che si sta riassumendo, purché sia d'intrattenimento e che ci siano le analisi giuste e le domande giuste.
Forse.
═► It's Okay To Be Smart: perché talvolta è molto bello approfondire determinati argomenti scientifici o naturalistici.
═► Kobato Official: perché è una cantante, un'appassionata di musica, un'insegnante di canto… e una nerd! Ed è bellissimo tutto quello che fa.
═► La Fisica che non ti aspetti, dove il Cuso ci permette di approfondire tantissimi argomenti, legati alla fisica, in quella che è la vita di tutti i giorni: infatti (come ci dice lui stesso) “Siate curiosi: la fisica è là, dove non ve l'aspettate!”
═► LEMMiNO, che è un canale svedese (come il buon Felix), però - a differenza di Felix - non ci porta dei gameplay: ci porta degli approfondimenti molto (molto), molto ben curati. Non escono tantissimi video, ma ogni volta che esce un video è - veramente - un'opera d'arte, quindi vi consiglio veramente di andare a dargli un'occhiata.
═► Lo Scribacchino: perché è un copywriter, un appassionato di fumetti, di argomenti nerd e di Harry Potter; inoltre si è persino beccato una bella sponsorizzazione da Enrico di WatchMojo Italia.
═► Ludo Thorn: perché è un bravissimo doppiatore, e perché ha un gatto Sphynx.
Non necessariamente in questo ordine!
═► Matt Harding: perché è un pessimo ballerino, diventato virale ballando per tutto il mondo!
═► Mayapolarbear: perché ci sono adulti che si prendono un samoiedo, solo perché non vogliono ammettere che vorrebbero un pupazzo di peluche!
═► MightyPirate Project: perché lui è Mighty, un temibile recensore.
═► MVVblog: perché Marco Valleggi è un nerd cinquantenne simpaticissimo.
═► Padre Kayn: la risposta alla domanda (che - forse - non si era fatto nessuno): ma gli atei vanno a messa?
═► Periodic Videos: perché l'Università di Nottingham ci fa scoprire che è possibile approfondire ognuno degli elementi della Tavola Periodica.
═► Photoinduction: perché in tantissimi abbiamo visto quel video virale del tizio che getta un mattone dentro una lavatrice fino a farla cappottare, ma in pochissimi sanno che questo tizio ha un trasformatore ad alta tensione in casa e lo utilizza per gli esperimenti più assurdi, e non solo…
═► Polemica in Pillole: perché la biologia, la scienza e la medicina non sono cose che impari guardando un paio di video su YouTube.
═► RT Poop: perché il montaggio, l'editing e la composizione possono diventare una grandissima forma d'arte!
═► Simon's Cat: perché… su YouTube a tutti piacciono i gattini, giusto?
═► Stefano Baglio: perché sì, dalla YTP si può arrivare ai crossover più interessanti ed improbabili!
═► Studio 188: perché i film che sono stati realizzati con grandissimi budget… forse era possibile realizzarli a costo zero o quasi zero… forse…
═► The Action Lab: perché la scienza è bella anche da toccare con mano.
═► Tom Scott: perché è un nerd, un grande intrattenitore ma, soprattutto, un grandissimo innovatore della piattaforma di YouTube.
═► Viva la Albe: perché talvolta le cose possono essere difficili, complesse, e allora c'è bisogno di una guida, di un aiuto, di una spiegazione, ed ecco che Alberto ci saprà aiutare a fare la scelta giusta!
═► What's Inside?: perché è bello sapere che c'è una cosa che funziona, ma è ancora più bello sapere come funziona, com'è fatta, quali sono i suoi segreti (celati all'interno).

Bene: questi erano quarantacinque canali che trovo molto, molto interessanti.
Voi che mi dite: li conoscevate già tutti? Ne conoscevate qualcuno, e qualcuno no?
Non ne conoscevate nessuno?
Parliamone nei commenti qua sotto, oppure suTwitter con l'hashtag #DdVotr
Io sono Grizzly e vi ringrazio per essere arrivati in fondo al vlog e per tutti gli auguri che mi sono arrivati sui social (e che mi arriveranno anche sotto questo video); vi ricordo di mettere pollice-in-alto e condividere, e - come sempre - grazie, ciao a tutti e ci vediamo alla prossima!

domenica 12 settembre 2021

VLOG 377: Siamo rimasti bloccati nel traffico (ft ALE)

0 commenti - [Leggi tutto]


G: Vuoi fare tu il “Benvenuti a bordo viaggiatori”?
A: Vai! Vado io: aspetta un attimo, che superiamo il dosso…
G: Sì, sì!

[rumore del dosso]

A: Benvenuti a bordo viaggiatori: io sono Ale e lui è Grizzly, e in questa puntata - diciamo - un po' diversa dal solito… e vai!
G: E beh: io - questa volta - mi sento… come se mi mancasse qualcosa!

[🎵🎶]

A: Oggi di cosa parleremo?
G: Oggi siamo in Trentino: stiamo facendo un giro, un po' così; anche perché volevamo andare a Trento a fare una passeggiata, ma c'è tantissimo traffico e volevo - appunto - cogliere l'occasione per parlare di «traffico e incidenti»
G: (nel frattempo faccio da navigatore ad Ale)
G: Prendi la prossima a destra!
A: Evvai!
G: Io ho già raccontato…
G: mamma mia: guarda che serpentone di macchine! Al ritorno ritorniamo da questa strada!
A: Da questa sta qua sotto?
G: Sì, sì: questa è quella che - poi - va a Trento
A: Ah, meno male!
G: Poi ritorniamo da qua!
A: Anche perché c'è una coda di circa 10~15 km!
G: Eh: qualcosina del genere, tranquillamente, purtroppo…
G: Infatti l'idea è proprio questa qua: parlare (un po' in generale) di traffico, di ingorghi, di incidenti.
A me è capitato, qualche volta in autostrada, di finire dietro l'incidente stradale… c'è una delle cose che mi dà più fastidio degli incidenti in autostrada: sono i curiosi nell'altra carreggiata, soprattutto quando tu ti trovi un rallentamento infernale e, sulla tua corsia, non è successo niente: l'incidente è stato dall'altra parte, qua il rallentamento sono gli scienziati (per non dire gli scemi):
EHY: ma c'è stato un incidente?
A: Beh, a volte può capitare, lo faccio anch'io: guardo dall'altra parte e dico: "UEHIII!"
G: Sì, ma… non rallenti a 20km/h in autostrada, VOGLIO SPERARE!
A: Noo!
G: Altrimenti ti strozzo qui, sul momento!
A: 50km/h?
[risate]
G: Insomma: mi capita di vedere "oddio, c'è stato un incidente; cavoli: speriamo non si son fatti male", ma - alla fine - cerco di evitare di rallentare tutto il traffico, soprattutto se ci sono già i soccorritori! Cioè: se c'è appena stato un incidente, ha anche un minimo di senso che uno cerca di farsi di lato, di chiamare i soccorsi; ma se son lì pompieri, polizia, gru e stanno tirando fuori le persone… vabbè c'è stato un incidente, ok, ma…
'Sto gusto morboso del guardare l'incidente, del fargli il video… c'era quel video (diventato virale) del poliziotto, in Germania, che fermava le persone:
"Venga! Vuole venire a fotografare anche il morto, già che ci siamo?"
A: Quello me lo ricordo!
G: Ecco. E tu? Esperienze particolari di traffico, di serpentoni di auto?
A: Mah, oddio: molte volte mi sono ritrovato nel traffico; penso che la coda più lunga che abbia mai fatto era stata durante un'estate di tanti, tanti anni fa: stavo andando in Riviera Adriatica con un amico.
Restammo in coda circa sei~sette ore (una roba FUORI DI TESTA!): era inizio agosto - ovviamente - esodo estivo, classico, restammo in coda per diverse motivazioni. Uno (e vabbè): c'era stato qualche incidente, ovviamente, in autostrada, ma il top (questa me la ricorderò per sempre): arrivammo a un punto, dove - veramente - era tutto bloccato, perché purtroppo… a questi ragazzi si era bloccata (ed era una C3 azzurra, di quelle vecchie, cabrio) in mezzo all'autostrada; però si erano messi - praticamente - di traverso in mezzo a due corsie: era una cosa bellissima!
E niente, però, tutte quelle ore in autostrada… me le ricordo ancora, anche perché c'era il segnale luminoso della via vecchia Honda Civic, che mi segnava dicendo:
Fermati a fare una pausa
A: Eh: son già fermo, praticamente!
E dopo, vabbè, ogni tanto di code e se ne trovano: come stasera - sicuramente - troverò una coda a tornare da Trento: quello poco ma sicuro!
Ma più che altro io mi chiedo: ma quello che è davanti a tutta la coda… ma lo sa di essere davanti a tutta la coda?
G: Magari è il classico Vecchio col Cappello™.
Io mi ricordo che… la presi a ridere, l'avevo raccontata sul blog Diario di Viaggio anni e anni fa: eravamo qua a Trento, fine agosto, mi telefona un amico (che non sentivo da una marea di tempo!)
G: Vabbè, vai di qua. Però poi dobbiamo fare inversione
A: Poi vado su? Se no?
G: Il problema è… vai… sì: vai su, che è meglio.
A: Vado su. Ok, qualcuno mette - anche - la freccia…
Potremmo fare un'intera puntata di gente che non mette le frecce!
G: E poi così ti faccio fare il gir… perché - se no - finiamo nel serpentone! Solo per quello…
A: Ah, ok
G: Velocissimamente: eravamo su a Trento, fine agosto, mi telefona un amico (che non sentivo da una marea di tempo), che era venuto sul Lago di Garda a farsi un weekend di vacanza; aveva trovato un last minute: si è fatto l'ultima settimana di agosto (giovedì, venerdì, sabato e domenica: ripartiva il lunedì), era sul Lago di Garda, era venuto con la moglie e la figlia.
Sapendo che - di solito - in agosto ero a Trento, mi contatta:
-Insomma: perché non mi vieni a trovare, questa sera?
Era il sabato (l'ultimo sabato di agosto)
-Vieni: vienimi a trovare. C'è la Notte di Fiaba, veniamo a vedere i fuochi d'artificio sul lago.
Alché, pur sapendo che essendo la penultima sera della Notte di Fiaba (comunque la notte dei fuochi d'artificio), che ci sarebbe stato un casino infernale… vabbè, mi infilo in questo serpentone di auto alle sette di sera: vediamo un po'!
Arrivo quasi alle porte di Riva del Garda, gli telefono:
-Senti, almeno fammi sapere un attimo in che albergo sei, così cerco di vedere se trovo un parcheggio, magari qualcosa pagamento, magari fuori dal paese e mi faccio un po' due passi, oppure aiutami a trovare un parcheggio.
-Ah, sì: ti aspetto. Sono all'albergo "piripìm parapàm", si trova all'ingresso di Torbole!
A: Vado su di qua?
G: No: vai dritto
Credo che questo stia aspettando qualcosa…
A: Sì, infatti…
-Tu ADESSO mi dici che sei a Torbole? Io sono arrivato all'ingresso di Riva del Garda, devo fare ALTRI SETTE KM di serpentone di auto! Cioè: adesso renditi utile e TROVAMI UN PARCHEGGIO!
-Sì, sì, tranquillo: c'è il parcheggio dell'albergo…
A: E, nel frattempo, è iniziato anche a piovere, evvai!
G: Questo è normale: siamo - naturalmente - in agosto, quindi vuoi che non cominci a piovere?
Domani - tra l'altro - dovremmo andare in Cadore, dovremmo passare a Longarone, l'ultima volta che sono stato a Longarone (che ho fatto la puntata del vlog) ha piovuto e domani porta - di nuovo - pioggia molto forte, quindi sì: decisamente agosto… il clima sta cambiando, non… qui - di solito - non voglio dire che c'era un caldo infernale, ma di solito c'erano - principalmente - giornate di sole; capitava un giorno di pioggia, ma qua siamo arrivati a iniziare la vacanza che pioveva e stiamo finendo la vacanza che piove.
A: Comunque vorrei ricordarti che tutte le volte che ci vediamo, piove!
G: Sì, tra l'altro…
A: Tra l'altro!
G: No, a Siracusa, quantomeno, siamo riusciti ad avere un po' di tempo decente, dai!
A: Sì, è vero. Dunque, per concludere questa puntata la domanda è:
G: Voi siete mai stati impelagati in un serpentone di auto per via del traffico, per via di un incidente?
Come l'avete vissuta? L'avete presa nervosamente, l'avete voluta prendere a ridere? Dice: "Vabbè, alla fine ormai siamo qua, aspettiamo: arriveremo alla fine. Magari scopriremo che all'inizio della fila c'è il Vecchiaccio con il Cappello™ che guida il pandino a 2km/h, oppure c'è l'incidente strano, c'è la cosa particolare, c'è quello che si è perso!
C'è il - non so - il carro funebre, con il funerale dietro?
A: Magari sono stati anche loro la causa della coda, può darsi!
E quante ne avete tirate, più che altro? Questa è una bellissima domanda
G: Soprattutto!
A: E infatti…
G: Quante ne avete tirate? Parliamone nei commenti o su Twitter con l'hashtag #DdVotr
Bene, io sono Grizzly, lui è Ale, il suo canale lo trovate linkato nella scheda là in alto, o nei commenti qua in basso, nel doobly-doo (qua in basso, ancora), o là in alto: non lo  so dove lo trovate sul dispositivo!
Visitate il suo canale e iscrivetevi, io sono Grizzly: mi trovate su tutti i social, in particolar modo su Twitter (dove sono molto attivo), detto questo - come sempre - grazie…
A: Noi ci vediamo in un prossimo video! E non mi rimane niente altro da dire se non…

EVVAI! [risate soddisfatte]
[♪]
G: Va bene: io sono Grizzly, lui è Ale, il suo canale lo trovate linkato qui su questa scheda…
A: Su quella scheda
G: No: è di là (oddio) la scheda: è a sinistra!
A: Beh, da qualche parte, comunque!
G: La scheda è A SINISTRA: sono abituato a indicare la scheda mentre guido, adesso mi viene di indicarla dall'altra parte!
A: Ah, ok!

domenica 5 settembre 2021

VLOG 376: Mappe e navigatori - #DdVotr 376 #OperazioneNostalgia

0 commenti - [Leggi tutto]


Allora… da via Brescia arrivo a piazza Piedicastello, il ponte San Lorenzo… ci siamo: lung'Adige di Montegrappa… via Roberto da Sanseverino… passiamo vicino al MUSE (passo sotto la galleria) e poi…
… il bar si trova fuori dalla cartina!
[sospiro] e ora?
Vabbè, va: abbiamo capito!
Facciamo così, che è meglio…
Procedi in direzione Nord Ovest verso via di Cultura…
Benvenuti a bordo, viaggiatori: una volta avevamo le cartine, adesso abbiamo tutti quanti il navigatore, che è decisamente molto più comodo e funzionale.
Ma io ho proprio di quello che c'era una volta, delle cartine geografiche, voglio parlarvi oggi in questo nuovo episodio di Diario di Viaggio on the road #OperazioneNostalgia
[🎵🎶]

Partire per le vacanze, andare a trovare qualcuno, andare a trovare un amico in un luogo che si trova fuori città, in un luogo che si trova - magari - fuori provincia: in un luogo che si trova IN UN'ALTRA REGIONE.
Andare per fare le vacanze da qualche parte, diversa dall'Italia (o fuori dall'Italia), andare alla scoperta di un nuovo posto…
Beh: niente di più semplice:
-Mandami la posizione su Whatsapp, che ci arrivo col navigatore!
Ma una volta - per l'appunto - non funzionava così: una volta bisognava consultare le cartine geografiche, bisognava avere un'idea del percorso da andare a fare, bisognava segnarsi - un attimo - le strade, le curve, la situazione da andare a percorrere e capire - quindi - dove ci si trovasse.
Indubbiamente il navigatore ha cambiato tantissimo le carte in tavola, non solo facendoci scoprire percorsi alternativi molto interessanti (e magari panoramici!), non solo facendo finire delle persone DENTRO UN FIUME segnalando ponti che non erano più esistenti
(e delle persone, ancora più geniali:
-Ah, il navigatore ha detto di girare a destra? Dunque giro a destra!
Ma soprattutto il navigatore, in particolar modo i navigatori evoluti come Google Maps, grazie alla connessione ad internet e ad altre informazioni (che vengono sul traffico) fornisce anche percorsi alternativi, informazioni su eventuali rallentamenti, incidenti e situazioni di questo genere… e diverse volte, grazie a Google Maps, siamo riusciti a evitare di restare dentro un inutile serpentone di auto, facendo stradine laterali (magari molto interessanti): nuove scoperte, vedendo dei bei panorami qui in montagna.
Ma al di là di questo discorso, per l'appunto una volta quello c'era! Io, i primi tempi che andavo a Bologna con il treno e poi, con l'auto al seguito, scendevo dal treno, prendevo la mia auto e dovevo andare fino a Trento, avevo dovuto studiare un attimo sulla cartina di Bologna come arrivare a raggiungere l'autostrada, perché non c'erano tante indicazioni: in particolar modo le indicazioni, dalla stazione, ti portavano ad andare a prendere l'autostrada molto fuori Bologna, quando - in realtà - c'era una possibilità molto più veloce, che non era indicata direttamente e che era sulla tangenziale ed era abbastanza vicino alla stazione: dovevo fare un paio di giri un po' particolari, e allora me li sono studiati per bene sulla cartina.
E il navigatore - in fondo - sulla cartina è basato, perché quello che abbiamo con il navigatore è la cartina in una forma - magari - un attimo meno scomoda da richiudere, un attimo più semplice da portarsi appresso per avere a disposizione tutto il mondo; senza la necessità di procurare la cartina, perché - quando vivevo a Siracusa - procurarsi la cartina (per esempio di Siracusa) era abbastanza semplice: andavo all'Ufficio Turistico, ne chiedevo una, OK.
Ma quando si trattava di procurarsi la cartina di una zona estera, non era poi così semplice; avere una cartina con il giusto dettaglio non era facile da reperire: io mi ricordo la prima volta che sono andato a Monaco di Baviera, che acquistai - tra l'altro anche a un prezzo abbastanza elevato (se non ricordo male, credo, una decina di Marchi, quindi poco meno di cinque Euro) - una cartina di Monaco di Baviera, per avere un attimo un'idea di dove mi muovevo.
Che non era sufficiente, perché poi servivano anche le cartine del S-Bahn e della U-Bahn, per avere un'idea - anche - di quali mezzi pubblici, come andarli a prendere e DOVE andarli a prendere: e alla fine - comunque - c'era bisogno anche delle indicazioni degli amici che stavano lì in Germania da tempo, a dirmi "Guarda: prendi la U-Bahn fino a questa stazione, poi prendi la S-Bahn fino a quest'altra stazione e - a quel punto - vai a piedi, perché se prendi la stazione del quartiere, invece, allunghi inutilmente…": piccole cose.
Le cartine sono state l'unico modo di potersi orientare mentre ci si spostava nel mondo per - letteralmente - tantissimo tempo (anni, se non secoli): il navigatore è arrivato - veramente - da meno di una ventina d'anni e i navigatori evoluti da meno di una decina d'anni, quindi le cose hanno cominciato a cambiare veramente solo recentemente, quindi sino a pochissimi anni fa muoversi era ancora appannaggio dell'idea di studiarsi la cartina; e studiare la cartina è una cosa che alcuni fanno anche tuttora, anche - magari - avendo a disposizione il navigatore, perché innanzitutto vanno a scegliere il POSTO e poi, grazie al navigatore, troveranno il modo di giungere esattamente a quel posto, ma anche per scoprire posti nuovi, anche per avere un attimo un'idea (un'infarinatura generale) della situazione. Ma moltissime nuove generazioni sono abituate al navigatore, che trovano già disponibile - facilmente - sul loro smartphone, ed ecco quindi la mia domanda: voi che tipi siete?
Voi utilizzate ancora le cartine? Vi lasciate guidare dalle cartine geografiche?
Utilizzate un mix di cartine geografiche e navigatore? Io sono di quella categoria: magari utilizzo la cartina geografica per avere un'idea generale del posto e, poi, utilizzerò il navigatore per raggiungere esattamente quel posto; ma - appunto - ci sono quelli che "no: tutto quanto col navigatore, non c'è bisogno della cartina geografica"
Avete un'idea di come orientare una cartina geografica? Avete mai utilizzato una bussola, differente dallo strumento che c'è a disposizione sullo smartphone?
Parliamone nei commenti qua sotto oppure su Twitter con l'hashtag #DdVotr
Bene: io sono Grizzly, questo era #OperazioneNostalgia
Come sempre pollice-in-alto, condividete, iscrivetevi al canale, noi ci vediamo alla prossima puntata; ciao a tutti!

domenica 29 agosto 2021

VLOG 375: Una pizza impossibile - (Ricordi d'estate)

0 commenti - [Leggi tutto]


Benvenuti a bordo, viaggiatori: sono Grizzly e questo è Diario di Viaggio on the road edizione agosto 2021 "Ricordi d'estate"
Ed era un'estate, una fine estate (forse primi di settembre) quell'anno, che ancora dovevamo rientrare - tantissimi - dalle ferie: non c'era molto lavoro in negozio, forse appunto fine agosto inizio~settembre; c'era qualche partita, quella sera c'era una partita amichevole della Juventus, me lo ricordo perché a me non piaceva il calcio ma c'era l'altro collega in negozio che - invece - era uno sfegatato tifoso juventino ed era curioso di vedere quella partita.
All'epoca le partite le potevi andare a vedere… o c'avevi il satellite, oppure le potevi andare a vedere in alcune pizzerie. Non avevamo nulla da fare, era stata una giornata leggera al lavoro, fu lui a propormi:
-Senti: se ce ne andiamo in $questa pizzeria? Ci prendiamo una pizza, e così io mi guardo la partita.
Io non avevo niente da fare quella sera:
-Ma… sai che c'è? Vabbè, vai: non è che mi attiri di andare a vedere la partita, ma almeno tanto per uscire, per fare qualcosa di simpatico.
E andammo in questa pizzeria, abbastanza rinomata a Siracusa, dove c'era il pienone per via della partita; io ordinai una bruschetta, lui ordinò una pizza San Daniele (quella col prosciutto crudo) e tutti e due ci siamo ordinati una birra media.
Quindi arriva la mia bruschetta, arrivano le due birre medie, passa qualche minuto (intanto comincia la partita), 'sto ragazzo comincia a guardarsi la partita, ogni tanto:
-Scusa, la mia pizza?
-Sì, sì, tranquillo: sta arrivando!
-Ah, va bene
Finisce il primo tempo.
-Scusa, la mia pizza?
-Sì, sì, tranquillo: sta arrivando!
Inizia il secondo tempo.
-Scusa, la mia pizza?
-Sì, sì, tranquillo: sta arrivando!
Io ormai ho finito la bruschetta da un pezzo, sto finendo la birra, e anche lui sta finendo la birra e continua ad aspettare la pizza.
Finisce la partita.
-Scusa, la mia pizza?
-Sì, sì, tranquillo: sta arrivando!
Finisce la birra, comincia la trasmissione dopo la partita (che ne so: controcampo, quello che sia)
-Scusa, la mia pizza?
-Tranquillo: sta arrivando!
Finisce controcampo. Il locale si sta svuotando, una ragazza si avvicina al nostro tavolo mentre stiamo - nel frattempo - parlando e chiedendoci anche cosa ci sia da fare per una pizza San Daniele (dico: "forse staranno scannando il maiale"), la ragazza si avvicina e fa:
-Ragazzi, ma… volevate qualcos'altro?
L'abbiamo voluta prendere a ridere, ma glielo dissi tranquillamente:
-Veramente è da PRIMA DELL'INIZIO DELLA PARTITA che stiamo aspettando una pizza San Daniele, ma non ti preoccupare: che ce la porti, o che non ce la porti, è difficile che questa sera io ve la paghi!
E, dopo qualche minuto, FINALMENTE la pizza che "stava arrivando" arrivò al tavolo.
Voi in questa situazione che avreste fatto? Anche voi non l'avreste pagata? L'avreste pagata comunque? Ve ne sareste andati senza aspettare la pizza? Parliamone!
Io sono Grizzly, noi ci vediamo domenica prossima.

domenica 22 agosto 2021

VLOG 374: Un incidente notturno - (Ricordi d'estate)

0 commenti - [Leggi tutto]


Benvenuti a bordo, viaggiatori: sono Grizzly e questo è Diario di Viaggio on the road edizione agosto 2021 "Ricordi d'estate"

Sotto casa mia c'è l'Incrocio Maledetto, è stato sempre un posto molto discutibile: prima che ci mettessero il semaforo era - appunto - l'Incrocio Maledetto e così tanto maledetto che… una sera ero di ritorno da, forse, una festa di compleanno (un diciottesimo o una cosa del genere) e quindi saranno state le 23:30, quasi mezzanotte quando, scendendo dall'auto, dietro di me ci fu un boato tremendo, proprio un colpo che comprendeva due auto che si erano disintegrate tra di loro, e seguito da questo rumore TERRIFICANTE di macellazione di lamiera!
Feci un balzo praticamente da una parte all'altra dell'auto e, mentre mi giravo e cercavo di uscire, per capire cosa succedeva, una Lancia Y capottata arrivò davanti al cancello spandendo scintille e io - sconvolto - mi tuffai verso quest'auto, dove c'erano tre ragazzi dentro, feriti (anche un po' sanguinanti) che RIDEVANO, tutti e tre…
Guardai verso l'incrocio dove c'era una Fiat Uno bianca praticamente tranciata in due (tutta la parte della testata e del motore spostata di lato) con una persona che era ancora dentro il veicolo, più o meno dello stesso colore bianco dell'auto.
Quindi, capita la situazione, mi avvicinai alla Uno, mentre chiamavo con il cellulare i soccorsi: c'era questa persona, piuttosto in là con gli anni, chiaramente sotto choc (veramente terrorizzato), pallidissimo, con le occhiaie, ancora con le mani attaccato allo sterzo… piano piano lo feci uscire dall'auto, lo feci stendere in terra, gli alzai le gambe: cominciò a ripigliare un po' di colore mentre arrivavano le ambulanze; e poi mi ricordo questa scena: sono arrivate un paio di ambulanze, si è fermata un'auto dei carabinieri mentre aspettavo le ambulanze, c'erano i due carabinieri (il giovane, forse l'appuntato), con uno spiccatissimo accento palermitano che all'improvviso sbottò con un:
-Maresciallo: ma quale eitilomeccio? Questi sono PIENI, se c'avvicino lo shtrumento, scoppia!
Questo mentre i ragazzi continuavano a ridere, sanguinanti, mentre li stavano medicando!
Quindi, ragazzi, che dire? Non bevete durante la guida! Guardate che è stato terrificante quell'incidente, e come ne siano usciti tutti e tre con qualche graffio, e come ne sia uscito anche quel pover'uomo, a cui hanno tagliato in due l'auto, con danni SOLO ALL'AUTO… è stata veramente una fortuna, se non un miracolo.
Bene: io sono Grizzly, noi ci vediamo domenica prossima.

domenica 15 agosto 2021

VLOG 373: Lo zampirone maledetto - (Ricordi d'estate)

0 commenti - [Leggi tutto]


Benvenuti a bordo, viaggiatori: sono Grizzly e questo è Diario di Viaggio on the road edizione agosto 2021 "Ricordi d'estate"

... e proprio in estate: eravamo in una notte di stelle cadenti (sotto San Lorenzo; verso il 12~13 di agosto), volevamo guardare le stelle cadenti in aperta campagna, lontani dalla città, dalle luci dell'inquinamento luminoso della città; al fresco, perché in città c'è un'afa opprimente, mentre sulle colline quantomeno ventila un po' di più; ma in un posto che era tristemente noto per una quantità abnorme di zanzare, tanto che un amico era stato persino morso dalle zanzare ATTRAVERSO I JEANS! (Fu quell'anno che imparai a mettere Autan e altri repellenti ANCHE SUI VESTITI) Ma soprattutto, sapendo che c'erano tantissime zanzare, avevamo cercato di trovare qualche soluzione, e la prima soluzione, la più semplice che viene, è quella dei famosi «zampironi», che fanno un odore terrificante.
E mentre ero in supermercato a cercare degli zampironi per la sera, il mio occhio cadde su una scatola di Zampironi Speciali Essenza di Rosa: "Non fa il Classico Odoraccio da Zampirone™".
Uhm! Vabbè: prendiamoli, vediamo di che cosa sanno; annusando un attimo la scatola, sembravano avere un buon profumo.
Funzionare, funzionarono, perché non fummo morsi dalle zanzare, ma - a metà serata - ci arrivò una ventata di zampirone alla rosa che è stato MASSACRANTE: è stato veramente difficile trattenere la nausea, devo dire!
Quindi credo sia stata l'unica (e ULTIMA) volta che abbiamo usato degli zampironi alla rosa: molto meglio quella specie di bacchette di incenso giganti alla citronella, fanno sempre quel retrogusto di zampirone, ma almeno tengono lontane le zanzare senza allontanare anche gli esseri umani, che scappano rifuggendo quell'odore terrificante.
Voi che mi raccontate? Avete avuto avventure con degli zampironi o con qualcosa di particolare? Parliamone nei commenti.
Sono Grizzly: ci vediamo domenica prossima

domenica 8 agosto 2021

VLOG 372: Il mio primo incidente stradale - (Ricordi d'estate)

0 commenti - [Leggi tutto]


Benvenuti a bordo, viaggiatori: sono Grizzly e questo è Diario di Viaggio on the road edizione agosto 2021 "Ricordi d'estate"

Oggi parliamo del mio primo incidente stradale, e me lo ricordo molto bene, perché era stata un'avventura veramente strana.
Ero in Ortigia (stavo uscendo da Ortigia: dovevo andare a trovare un amico) e, davanti a me, improvvisamente si trovò una Panda; non c'era molto traffico, guardavo questa panda rossa e le due persone a bordo della Panda (una ragazza, che guidava, e un ragazzo, accanto) si stavano MENANDO! L'auto andava avanti e intanto questi due se le davano di santa ragione.
Talmente tanto se le davano di santa ragione che anche l'auto tendeva a scartare da una parte e dall'altra, e talmente tanto si stavano menando che - appena ho visto la scena - capita l'antifona, tolsi il piede dall'acceleratore lasciando rallentare l'auto, per mettere un po' di distanza tra noi due.
Lo feci appena in tempo, ma non sufficientemente in tempo, perché all'improvviso (quando ormai avevo messo un 2~3 metri di distanza) questa sì PIANTÒ in mezzo alla strada.
Io arrivai a frenare, tanto da fermarmi - letteralmente - a tanto così, e ho avuto solo il tempo di fermarmi, imprecare e guardare al volo nello specchietto retrovisore: la Peugeot 106 che c'era dietro di me non arrivò a fermarsi, perché c'erano due ragazzi che stavano parlando tra di loro, si sono distratti e il ragazzo che c'era dietro mi ha visto all'ultimo momento, quindi - praticamente - mi colpì con una violenza paurosa. Quando me lo sono visto sullo specchietto retrovisore, ho avuto solo il tempo di bloccarmi sullo sterzo: lui ci colpì tutti e due (fondamentalmente, perché ci buttò tutti e due in avanti DI PARECCHIO): quello che aveva fatto, appena ha visto che eravamo fermi non era stato “frenare”, era stato “STERZARE”, quindi ci colpì tutti e due a piena velocità (d'accordo che eravamo in città, ma stanno andando a 30~40 km/h) quindi che cosa successe? Che, innanzitutto, FUI SALVATO DALLA CINTURA DI SICUREZZA, perché presi una botta tremenda: non fosse stato per la cintura, sarei finito FUORI DAL VETRO e m'avrebbero raccolto da terra con un cucchiaino, LETTERALMENTE.
Quando scesi dall'auto questo ragazzo aveva la Peugeot 106 che era *aperta*, come se gli avessero dato un gigantesco colpo di forbice; mi fece una marea di danni: avevo una Palio Weekend (una Palio station-wagon della Fiat), riuscì ad accorciare un lato della mia auto di circa sei o sette centimetri! C'è il «longarone antintrusione laterale» e riuscì ad accorciare longarone antintrusione.
Fu una botta talmente forte che (me ne accorsi il giorno dopo) dalla parte dove ero stato colpito c'era il tappo del carburante: si era SPACCATO IN DUE il tappo del carburante, addirittura!
Si fermò un'auto della polizia, vedendo questa scena, e i due ragazzi sulla Panda ammisero che stavano litigando, e il ragazzo ammise - davanti all'agente di polizia - che a un certo momento aveva TIRATO IL FRENO A MANO della Panda.
Questo spiegò per quale motivo la Panda si era fermata al centro dell'incrocio, all'improvviso, senza che si accendessero gli ‘stop’ e fu una cosa molto importante, perché a quel punto sia io, sia il ragazzo che era dietro, presentammo denuncia alle nostre assicurazioni coalizzandoci entrambi contro l'assicurazione di questa ragazza, perché era stata lei a provocare l'incidente stradale.
Ora: l'assicurazione del ragazzo che stava dietro si trovava vicino casa mia, e andammo assieme a presentare la denuncia (io avevo presentato la denuncia alla mia assicurazione, lui doveva presentare la denuncia alla sua assicurazione, ma gli dissi:
-Guarda: ho raccontato tutto in un bel verbale di due pagine che potrebbe andare bene anche alla vostra assicurazione.
L'abbiamo guardato assieme, gli è piaciuto e l'hanno fatto.
Mentre eravamo là, la segretaria (dell'assicurazione del ragazzo che stava dietro) ci raccontò che quel pomeriggio, quando c'era stato l'incidente, anche lei era in Ortigia: era in fila dalla parrucchiera in via Roma e - in pratica - disse che aveva visto fermarsi la ragazza con questa Panda, 'sto ragazzo che saliva, questi due che cominciavano a urlare, sbraitare e darsele e, all'improvviso, questa Panda che partiva di corsa mancando di trinciare tutte le auto parcheggiate per un centimetro! E aveva guardato questa scena dicendo:
-Mamma mia! Questa ragazza, prima di uscire da Ortigia DI SICURO farà qualche danno…
E infatti poco dopo, prima di uscire da Ortigia, riuscì ad avere questo incidente stradale, in cui a me fecero circa 14,7~14,8 milioni di danni (ancora in vecchie lire) con, in quel momento, la finanziaria che mi chiamò per dirmi che se veniva confermato quel danno, ok, ma se quel danno superava i 15 milioni (anche 15 milioni E CENTO LIRE), avrebbero ritirato la macchina e mi avrebbero consegnato un auto nuova, perché a quel punto il danno superava oltre la metà del valore del veicolo.
Era già stata registrata la perizia, era già stato registrato tutto il danno (compreso anche il tappo del carburante!) e - quindi - mi hanno riparato l'auto.

Era questa la parentesi che vi volevo raccontare, quindi succede anche di questo: succede di vedere due che si stanno menando e uno dei due che provoca un incidente, in cui solo a me ha fatto (praticamente) 7.500~quasi 8.000 Euro di danni e chissà quanti gliene ha fatti dietro, penso che rottamò la macchina dietro, perché aveva DISTRUTTO tutta la parte frontale, aveva aperto in due la testata, l'auto (che era dietro) se la dovette portare il carro attrezzi, la mia - bene o male - un po' ammaccata riuscii a riportarmela a casa.
Voi che mi raccontate? Qual è stata la storia del vostro primo incidente stradale, o dell'incidente stradale più particolare in cui siete stati coinvolti? Ditemelo nei commenti.
Io sono Grizzly, noi ci vediamo domenica prossima!