Portatilità BIP Mobile - Riuscita!
La procedura di portatilità del mio numero BIP è riuscita! Informazioni sull'articolo dedicato

domenica 20 aprile 2014

VLOG #10

0 commenti - [Leggi tutto]
Buona domenica a tutti, buona Pasqua a chi la festeggia (-:

domenica 13 aprile 2014

VLOG #9

0 commenti - [Leggi tutto]
Comiciamo a cercare di fare "sul serio" (-:

mercoledì 9 aprile 2014

Patch Tuesday definitivo... a tratti

0 commenti - [Leggi tutto]
[origine immagine]
Ieri (tecnicamente con la mezzanotte che ha fatto trasformare "ieri" in "oggi") si è definitivamente (un parte si era già conclusa a giugno 2008, per la cronaca) concluso il ciclo di supporto al sistema operativo Windows XP. Che dopo tredici anni dal primo rilascio del sistema operativo, tre service pack e un pacco di aggiornamenti dopo SP3 che ci poteva stare persino un quarto SP, ci poteva anche stare.
Il problema, in realtà, è un altro. Anzitutto il primo problema è la mia ben nota onestà, dato che decine e centinaia di clienti in questi giorni mi hanno chiamato terrorizzati dicendo che dal 9 aprile il computer non sarebbe più partito, non avrebbe funzionato, sarebbe esploso e le schegge sarebbero state infette dal virus dell'Ebola... e io ho rassicurato tutti dicendo che non sarebbe successo niente del genere e nel giro di una settimana-dieci giorni avremmo sistemato tutti quanti.
Perché il problema è quello: sistemare le cose. Come il governo britannico che è arrivato a sborsare quasi cinque milioni di sterline (quasi sette di euro) a Microsoft per continuare a ricevere gli aggiornamenti di sicurezza per un altro anno. Che mi chiedo anche come si fa, ma di questo parleremo dopo.
Perché prima io voglio chiedere a Microsoft, e soprattutto ai loro clienti che con quelle menate di campagne su Windows Server System con cui parlavano del TCO di sistemi basati su Windows anziché sistemi basati, per esempio, su Linux, hanno per caso considerato questa mossa a doppio taglio di Microsoft: un anno di aggiornamenti a pagamento, seguiti dall'acquisto di nuove macchine più potenti per eseguire il nuovo sistema operativo, di cui saranno acquistate (of course) le nuove licenze. Ma non per fare nuove cose, bensì soprattutto per CONTINUARE A FARE LE STESSE COSE.
Mi spiego meglio.
Prendiamo due aziende, una è la mia: "Undefined Illusion BBS", in breve "uibbs2"; un'altra invece ce la inventiamo di sana pianta e la chiamiamo "Orsacchiotto Di Peluche Incorporated" (in breve ("OdP inc").
Entrambe le aziende nel 2006 comprano le stesse macchine, per inciso un PC fisso ad uso "server", un pc fisso ad uso "client" ed un portatile.
Facciamo una bella tabella, e vediamo le caratteristiche e le spese.
[clickate sulla tabella per vederla ingrandita]
Ma questo, ovviamente, ancora non è nulla. Perché questo avveniva nel 2006. Ora, nel 2014, a distanza di otto anni, tocca aggiornare i sistemi:
[clickate sulla tabella per vederla ingrandita]
Bene. In otto anni la OdP inc ha avuto un TCO pari a € 2698,70 mentre uibbs2 in otto anni ha avuto un TCO pari a € 1289,00 e ossia pari al 47,76% di quanto speso dal concorrente. Mentre chiamate l'assistenza tecnica del vostro programma di fatturazione e vi rispondono che da oggi non forniscono più nessun tipo di assistenza sul vostro bel software gestionale che avete pagato tanti soldini sonanti, perché dovete cambiare sistema operativo e, dove ciò non fosse possibile, anche parte dell'hardware, pensateci attentamente.
E pensate che anche dove sia possibile perché supportato dalla macchina, che la conversione del sistema operativo comporterà in molti casi anche una bella riformattazione, comprensiva di recupero dei documenti, salvataggio degli ambienti di lavoro, reinstallazione del software con la nuova licenza, riversaggio dei dati, reinstallazione e riconfigurazione di tutti i programmi e... un fermo di non meno di tre giorni per compiere quest'operazione. Ovviamente intendo tre giorni per CIASCUN COMPUTER da aggiornare.
Salvo complicazioni.

domenica 30 marzo 2014

VLOG #7

0 commenti - [Leggi tutto]
Supermercati o hard discount: voi cosa preferite?

domenica 23 marzo 2014

VLOG #6

0 commenti - [Leggi tutto]
Dai che cominciamo a fare sul serio (-:

PS: Sì, tranquilli, dal prossimo vlog la telecamera sarà posizionata meglio. Ho trovato una posizione che non mi disturba durante la guida ma funziona per l'inquadratura generale...

venerdì 21 marzo 2014

Siracusa allo SMAU: Love City Index WTF?

2 commenti - [Leggi tutto]
Viene un collega di lavoro.
CL: "Ouh! Ma l'hai sentito che il comune di Siracusa è andato allo SMAU di Roma? Con un progetto sviluppato assieme all'IBM per il turismo"
Io: "O_O WOOOOW Sì Siracusa ha un forte bisogno di servizi per il turismo, che qua funziona tutto maluccio... ma che fanno con l'IBM? Mettono il wi-fi in Ortigia?"
CL: "Nooo, si parlava di un'app..."
E fermo il dialogo. Perché apro il sito di smau, trovo la pagina sul "Caso di successo" e leggo (anzi copincollo su LibreOffice Writer ed espando, che è scritto piccolo e la mia vista già comincia a far cilecca, colla congiuntivite allergica poi è pure peggio):
IL PROGETTO
Nel 2012, la città di Siracusa è rientrata nel concorso denominato “IBM Smarter Cities Challenge” ed è stata selezionata da IBM tra le cento città del mondo cui è stato destinata un’assegnazione in servizi per aiutarla a diventare una ‘città più intelligente’.
E subito penso: "wooooowoowowowowowow! Finalmente qualcosa di funzionale! Non quelle caxxate fatte dai markettari, piene zeppe di termini in lingua inglese che riempiono la bocca per esprimere concetti insulsi e ridicoli, mostrando invece una palese testa vuota di certi personaggi altolocati che sbavano dietro tecnologie più simili, ai loro occhi, a gesti insani del demonio piuttosto che a strumenti che portano all'efficienza. In questo medioevo forse qualcosa comincia a dare un senso... ma aspetta che continuiamo a leggere..."
La città ha beneficiato così di una consulenza specialistica da parte di un Team che ha portato alla realizzazione di un Report. Sulla base di tale piano strategico, il comune di Siracusa in collaborazione alla Fondazione IBM Italia e IBM Human Centric Solution Center ha concretizzato l’elaborazione di un progetto che permette di raccogliere ed analizzare dati sui flussi turistici al fine di effettuare una pianificazione strategica che possa supportare la crescita e la sostenibilità della città, contribuendo a migliorare l’offerta turistica.
[evidenziazioni mie ndG]
E mi fermo di nuovo nella lettura. Poi ricomincio a leggere il paragrafo. Più volte.
Vi evidenzio alcune parti, e mentre raccolgo le braccia e la mascella da terra, ve lo riassumo:
Tre-quattro consulenti di IBM sono venuti in città, si sono visti con due amministratori, hanno parlato un po' di trend di crescita, poi hanno preso un foglietto di carta, buttato giù due righe a caso e l'hanno etichettato REPORT.
Poi gli amministratori hanno preso il foglietto di cui sopra (pardon, il report) e si sono visti con altri tre-quattro consulenti della fondazione ed hanno preso un altro foglietto (che è diverso: stavolta ci han scritto sopra PROGETTO) con su altre due righe: approssimativamente "istruzioni per contare il numero di turisti che entrano in città usando un foglietto di carta e una matita". E quindi hanno detto tutti in coro: «Questo contribuirà a migliorare l'offerta turistica! Oh, come siamo bravi!»
Dico, virgola, no: dico
Non si fanno i parcheggi per gli autobus, non si progettano i percorsi turistici, artistici, culturali? Non si presentano progetti per il recupero delle aree archeologiche chiuse e abbandonate? Non si mettono in funzione i bagni pubblici? Non si fanno funzionare i trasporti pubblici? Non si fa il wi-fi nel centro storico? Dico, virgola, no, ripeto: MA SUL SERIO?
Continuiamo a leggere, che è meglio:
Nell’intento di continuare il percorso di sfide individuato da IBM, il Comune di Siracusa congiuntamente alla Fondazione IBM, IBM Human Centric Solution Center ha realizzato un’applicazione mobile denominata ‘Love City Index Siracusa’. L’applicazione è stata realizzata per device Apple iOS (iPhone e iPad) in lingua italiana ed inglese[...]
Un app? Allora, aspetta un attimo.
Io sono un turista. Un francese, un tedesco, uno spagnolo... anzi no un arzillo signore americano (anche perché non parlo italiano, ma almeno l'inglese lo capisco), un chirurgo appena andato in pensione e che con una robusta liquidazione ho deciso di fare, con mia moglie, una bella crociera che tocchi i principali posti attrattivi dell'Italia. In Sicilia avrò due giorni a Siracusa, due a Taormina, due a Trapani, uno a Pantelleria e uno a Lampedusa. Poi non tornerò più in Italia perché ho un'età, e voglio viaggiare per visitare tutti e cinquanta gli stati americani, anzi, anche il Canada che ne parlano tutti così bene.
Secondo quale masochistica ragione io dovrei installarmi un'app per Siracusa? E magari anche per Taormina, per Pantelleria, per Lampedusa, per Roma, per Pisa, per Genova e per Parigi che mi dice da che parte pende la Torre Eiffel a quest'ora a causa del sole che ne scalda un lato. MA CHI È QUELL'IDIOTA DI TURISTA CHE SI SATURA IL TELEFONO DI CAXXATE? Ve lo dico con il cuore in mano: forse (e ottimisticamente) meno dell'1% dei turisti.


L'anno scorso la città di Rio de Janiero, considerando che ormai il 99,999999999% dei turisti passa il tempo a usare il cellulare per fotografare, filmare, twittare, instagrammare eccetera a ogni angolo delle strade, ha pensato bene di mettere dei QR-Code sul pavè usando bolognini bianchi e neri: inquadra, scatta e voilà, tutte le info che vuoi. «Da questo angolo la leggenda vuole che Archimede abbia attaccato le navi romane usando gli specchi ustori», ehm, cioè no, scusate: questa è Siracusa. Qua nessuno mette i QR-Code per terra con queste informazioni...
Qua nessuno pensa a mettere i QR-Code, e poi dare lavoro a una decina di persone, ok, a progetto: ma QUESTE SONO le informazioni su 300 locazioni da raggiungere col QR Code. Uno mi traduca queste 300 frasi in inglese. Qualcuno in francese. Qualcuno in tedesco, in spagnolo, in portoghese, in cinese, in arabo. Non voglio dire in tutte le lingue del mondo, ma almeno le SETTE PIÙ DIFFUSE oltre l'italiano?
Pensiamo che la trasmissione MythBusters ha ripetuto l'esperimento coi bambini delle scuole americane su richiesta del presidente Obama, quando avremmo potuto farlo qui con i bambini delle scuole elementari e della prima media di tutta la città... ma vabbè, è meglio che mi fermo. E mi fermo anche perché non voglio andare avanti a leggere.
Perché ci ho provato a continuare a leggere quell'articolo:
BENEFICI
L’applicazione ‘Siracusa Love City Index’ è uno dei primi risultati tangibili del recente processo di implementazione dell’attività programmatorio-operativa del Comune di Siracusa che tende a recuperare il Gap di ritardo territoriale compensandolo con l’ausilio di ICT e di politiche Smart.

Mi fermo. Perché a questo punto ho un rigurgito acido: ma non del pranzo, quello che mi torna su è Nanni Moretti e la sua incacchiatura con la giornalista. Vi regalo il rassunto come conclusione dell'articolo:
MA COME PARLI? LE PAROLE SONO IMPORTANTI!