giovedì 1 gennaio 2009

Danni da capodanno

Estratto da un dialogo fra la madre di Asbesto Molesto e me, il 31 dicembre di qualche anno fa, prima di trasferirci da me per un pigiama party di fine anno...

MdA: "Ma non e' che poi stasera fate i botti?"
Io: "Signora, ho promesso ad Asbesto che, se fa il bravo, a fine serata gli faccio scoppiare il sacchetto delle patatine, MA SOLO SE FA IL BRAVO!"

In pratica funziona cosi': io tutti gli anni devo sentire lunghe e noiose dissertazioni che comprendono amici che, come me, l'unico oggetto atto a produrre un botto che sono disposti a maneggiare per la fine anno e' una bottiglia di spumante, e quelli che, invece, per sentirsi realizzati qualcosa la devono sparare per forza.
E anche qui abbiamo due scuole di pensiero: la prima (che quantomeno apprezzo) comprende quelli che al momento pirotecnico di mezzanotte dedicano al massimo 10 euro di mix pirico di libera vendita comprato al supermercato(1); e la seconda, che invece comprende, come ho detto nel mio messaggio di fine anno, coloro i quali semplicemente adorano acquistare botte fantascientifiche di legalita' estremamente dubbia, quelle cose che si vedono ogni tanto ai telegiornali, di cui l'amico GP (pirotecnico professionista e patentato) mi diceva: "Quelli sono *malati*! Certa roba io non la toccherei manco se fosse immersa in acqua da una settimana... io c'ho moglie e figli, non scherziamo!"
Dovrei citare anche una terza scuola, anche se piu' che una scuola di pensiero dobbiamo chiamarla per quello che e' invece: testa di ca%%agine.
Ossia quella di chi, invece che attentare alle sue mani o al suo udito (e a quello dei vicini), pensa bene di usare armi da fuoco cariche per salutare l'arrivo del nuovo anno.

E io oggi comincio l'anno leggendo gia' le solite notizie.
Capodanno: tutti felici e contenti, ma poi ci sono quasi quattrocento feriti.
A Napoli settanta feriti ed un morto. E penso: "Ca%%o! Pesante il capodanno in Iraq quest'anno, eh? In Iraq? Aspetta... ma Napoli e' una citta' omonima vicino Bagdad? O no? O per caso e' quella citta' nella regione Campania?"
E poi leggo con calma i titoli dei giornali. Con molta calma...
Quasi quattrocento feriti. Un morto, colpito da una pallottola vagante.
MA PORCACCIA LA MISERIACCIA ZOZZA & LURIDA (come diceva un personaggio di "Cocoon 2") era *una* *festa* ieri! UNA FESTA!
AD UNA FESTA AL MASSIMO UN INVITATO SI PRENDE UNA STORTA IN GIARDINO, UN ALTRO UNA CIUCCA TREMENDA E AL MASSIMO QUALCUNO UN'INDIGESTIONE DA MAGNATONA!!!!
Come ca%%o si fa a restare feriti, a MORIRE per festeggiare il nuovo anno? Ma stiamo scherzando o parliamo sul serio???

Fatemi capire. Sono li', con la mia famiglia, con i bambini, tutti a casa del suocero a mangiare e bere, e' mezzanotte, ci siamo fatti gli auguri, i bambini sono terrorizzati dai cioccolattini che stanno scoppiando fuori dalla finestra e pertanto siamo tutti intorno alla tavola che giochiamo a carte con la finestra ben chiusa...
... e improvvisamente si sbrindella il vetro della finestra e la persona piu' a portata di essa (foss'anche uno dei bambini) improvvisamente si accascia a terra.
Ma mica per finta, eh? E' successo un paio di capodanni fa.
Ma succede ancora.
Siete li' tranquilli che vi fate il vostro capodanno. Che state per accendere 20kg di fuochi d'artificio illegali, o che vi tappate le orecchie quando l'astante sta per aprire lo spumante... ma siete li' per i ca%%i vostri e qualcuno si becca un proiettile. Magari uno dei bambini. Un bambino di dieci anni, una bambina di sette, un INFANTE DI DUE ANNI.
Ferito.
Perche' si e' beccato il tappo dello spumante sulla fronte? Perche' quel petardone gigantesco le cui istruzioni iniziavano con "1. Assicurarsi di aver conseguito l'estrema unzione prima di accendere" ha mollato schegge dovunque, e allora un po' ve lo meritate? No.
Perche' qualche STRON%O si e' messo in balcone e, non sapendo (come ho detto tante volte) che per godere appieno del botto di un proiettile in cordite bisogna puntarsi l'arma proprio dentro l'orecchio(2). E non sapendolo ha pensato bene, dato che UNA PISTOLA CARICA FA SOLO IL BOTTO, e quindi la si puo' puntare dove capita.
Ma quando mi capitera' che al primo di gennaio il telegiornale riportera' notizie diverse? Quando e' che finalmente sentiremo: "questo primo gennaio solo due persone in ospedale: uno ha preso una storta sulle scale tornando a casa e l'altro una leggera indigestione"? Quando e' che finiremo di sentire dopo la notte del 31 dicembre un bollettino che neanche i bombardamenti su Kabul? Finiremo come in Peru' che dopo l'incendio di un centro commerciale e' stata abolita del tutto la vendita di fuochi artificiali al pubblico? Dovranno morire altre mille persone prese a fucilate e pistolettate? Dovro' vedere ancora ragazzini di dieci/undici anni che si giocano tre dita per un bisogno primordiale di farsi fischiare le orecchie con un colpo secco da polvere pirica?
Ma ca%%o! Quando avevo otto-nove anni io, al massimo sparavamo le miccette, a dodici/tredici anni il famoso bomber con i miniciccioli nella tasca interna(3)! Ma ora: a otto/nove anni minimo 50 mefisto, quando poi non si fa il classico gioco di passare al cutter un'intera confezione di petardi per farsi il solito unico "Ferrero Rocher" col quale farsi saltare via mani, occhi e altre parti corporee.
A mio figlio di otto anni non farei maneggiare manco le stelline se non ci sono io con tanto di occhi davanti, altro che "pigliatevi quel pacco di magnum e andate a giocare in cortile, che papino c'ha da lavorare" e aspettare che dopo il botto si sente l'urlo disumano del figlio che e' giocato qualche appendice...

Ma questi... purtroppo... sono solo sogni...

Beh, sapete che vi dico? Sogni o incubi a chi si macchia del ferimento a colpi di arma da fuoco di persone impegnate a festeggiare, io non auguro di morire. AUGURO DI VEDERE IL PROPRIO FIGLIO FERITO (O UCCISO!) ALLO STESSO MODO, tanto per avere una minima idea di che cosa significa un dolore del genere!


Note:
(1) No. Dico. Ma veramente: ma che ca%%o di frase e' "non puoi festeggiare la fine dell'anno senza neanche un botto"? Ma saro' padrone di festeggiare la fine dell'anno come aggrada a me senza dover passare il permesso al primo che capita? E poi non mi venite a raccontare che al supermercato vendono solo caiserate: ci sono torte, spettacolini e se proprio volete attentare alle vostre orecchie i "Mefisto Manna" sono di libera vendita e li trovate pure all'Auchan. Pero' spiegatemi una cosa: capisco gli spettacolini che almeno fanno luci & colori, ma il piacere morboso che provate a sparare artifatti che fanno solo il botto me lo volete spiegare? No, dico veramente: io non vi capisco, sul serio.

(2) Appunto dal messaggio di fine anno. Che poi cosi' se qualcuno si fa male non e' poi un problema cosi' grosso. Sentito che qui ad Agnone una guardia giurata ha ferito la figlia sparando con la pistola di servizio? Queste sono quelle cose per cui io fornirei la massima numerazione e controllo possibile per l'arma di servizio di chiunque possiede il porto d'armi, con 100 mila anni di galera alla prima pallottola mancante... Ma questa e' un'altra storia, come sempre...

(3) Io comunque ho litigato molto tempo fa coi fuochi artificiali. E l'incidente di quel ragazzino ha solo rinnovato un trauma che per mia fortuna e' stato molto piu' leggero. Io preferisco essere uno spettatore passivo dei fuochi, da qualche luogo panoramico non troppo accanto all'area di sparo, ma nulla di piu'. A capodanno posso consentire solo il citato sacchetto delle patatine [ok, ok... vada per i palloncini $-: vi ho gia' raccontato di quello che succede se ne incrocio qualcuno sulla mia strada... ma niente di piu', va bene? ((-: ]

3 commenti:

Dual ha detto...

Un saluto ed un augurio di un buon 2009!!

Francesco ha detto...

Ho letto con molta attenzione questo articolo ... e condivido in pieno.
Non e' possibile essere cosi' stupidi ... non e' possibile!

A volte pero' penso che i giornalisti se le inventino certe cose ... perche' fa piu' notizia "ci son stati 400 feriti e tot morti" che dire "tutto apposto! Buon anno!"

:(

Grizzly ha detto...

Vedi. Il punto e' che di sicuro la cronaca fa piu' audience degli auguri, ma un serio assottigliamento dei fattacci di cronaca sarebbe comunque auspicabile.
Tradotto: se finalmente ad un capodanno il massimo che venisse registrato dalla cronaca fossero due storte e dieci indigestioni, tutti i telegiornali si butterebbero a pesce sulla notizia, con interviste a dietologi e sondaggi per l'abolizione degli scalini...

... ma preferisco di gran lunga quello che sapere che un ragazzino di dodici anni si e' giocato una mano perche' voleva proprio sentire quanto forte sarebbe stato il botto di quella cipolla da mezzo kilo, e il suo vicino ci e' rimasto secco perche' qualcun altro voleva provare l'ebbrezza di sparare a casaccio con una pistola carica.

Ma come ti ho detto, il principio e': "[...] tutti gli anni devo sentire lunghe e noiose dissertazioni che comprendono amici che, come me, l'unico oggetto atto a produrre un botto che sono disposti a maneggiare per la fine anno e' una bottiglia di spumante, e quelli che, invece, per sentirsi realizzati qualcosa la devono sparare per forza [...]".
Il punto e', a voler essere bastardi, che difficilmente si morira' perche' nessuno ha sparato qualcosa il 31 dicembre... mentre mi pare evidente il rischio di ferimento o di morte legato allo sparo di manufatti pirici vari, quando non si tratta di proiettili di vario calibro...